Estate, 4 su 10 al rientro con cibo come souvenir

Più di quattro italiani su dieci (42%) tornano dalle vacanze con prodotti tipici come souvenir, che si classificano come i preferiti nell’estate 2018. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè divulgata in occasione dei rientri dalle vacanze dopo il Ferragosto. L’indagine ci rafforza ancor più a proseguire decisi lungo la strada che abbiamo intrapreso, di coniugare strettamente le proposte culinarie e l’accoglienza calorosa nei nostri ristoranti con l’invito ai nostri ospiti a scoprire le bellezze delle nostre terre. Diventare ambasciatori dei nostri territori, essere per i clienti preziosi amici in grado di suggerire le chicche enogastronomiche di cui poter far provvista durante il viaggio, oltre che naturalmente i luoghi segreti da scoprire: questa la nostra mission.


Coldiretti sottolinea che quest’anno appena il 19% degli italiani torna a mani vuote dalle ferie ma le difficoltà economiche – sottolinea la Coldiretti – spingono però verso spese utili, con i prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve che vincono su tutte le altre scelte. Al secondo posto tra i souvenir – continua la Coldiretti – si classificano prodotti artigianali e a seguire gadget, portachiavi, magliette. Dalla mozzarella di bufala in Campania al formaggio Asiago in Veneto, dal pecorino della Sardegna al prosciutto San Daniele nelle montagne del Friuli, dal vino Barolo del Piemonte alla Fontina in Valle d’Aosta, dal limoncello campano al Caciocavallo del Molise – continua la Coldiretti – sono alcuni dei più comuni souvenir richiesti dai turisti per portare un ricordo “appetitoso” dei luoghi di vacanza, ma molti altri sono i “tesori” custoditi gelosamente nelle campagne.


Basta ricordare che il 92% delle produzioni tipiche nazionali nasce nei piccoli comuni italiani con meno di cinquemila abitanti. L’acquisto di prodotti tipici come ricordo delle vacanze è una tendenza in rapido sviluppo favorita – sottolinea la Coldiretti – dal moltiplicarsi delle occasioni di valorizzazione dei prodotti locali che si è verifica nei principali luoghi di villeggiatura, con percorsi enogastronomici, città del gusto, aziende e mercati degli agricoltori di Campagna Amica, feste e sagre di ogni tipo.


L’agricoltura italiana – conclude la Coldiretti – è la più green d’Europa e può contare oltre alle 5056 bandiere del gusto, su 294 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg insieme alla leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche, la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati (ogm), 40mila aziende agricole impegnare nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il maggior numero di prodotti agroalimentari con residui chimici regolari (99,4%).