Il giro d'Italia del Buon Ricordo: LOMBARDIA e PIEMONTE

piemontelombardia

Tour gustoso alla scoperta delle meraviglie e dei sapori d'Italia con il Buon Ricordo

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬
LOMBARDIA PIEMONTE |
▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

ALLA SCOPERTA DEI SAPORI DELLA VALTELLINA
GIORNO 1 
Si parte per una bella due giorni montanara in quel di Livigno al Ristorante La Pòsa per assaporare la cucina tradizionale, non senza innovazione di Luca Galli. Dopo la cena, comodissimo è fermarsi a pernottare all’adiacente Hotel Flora.

GIORNO 2
Di Prima mattina, dopo una bella escursione per i sentieri di montagna si può scendere a Bormio per assaporare la cucina di Max Tusetti. Il suo ristorante Al Filò potrà sorprendere anche i più golosi gastronauti.
La conclusione della due giorni non può che essere dal mitico Jim Pini del Sassella di Grosio. Cena luculliana coccolati da Marcella, Orietta e Giuseppe e poi un rilassante pernottamento.


IN VIAGGIO GOURMET VERSO IL LAGO DI COMO

GIORNO 1 
Dal centro della Lombardia ci si può muovere verso Cantù per godere di un bel pranzo al Ristorante Le Querce gustando la cucina di Maurizio e l’accoglienza di Catia.
Nel pomeriggio ci si dirige verso la splendida Bellagio per essere accolti dall’istrionico Luigi Gandola per una indimenticabile cena al Ristorante Salice Blu. Dopo questa esperienza culinaria lo Chef potrà suggerirvi la giusta location per pernottare.

GIORNO 2
Dopo aver goduto dell’aria fresca e rilassante del Lago di Como ci si avventura sull’altra sponda del lago per andare a provare la cucina del Ristorante Del Porto di Menaggio, mettendo alla prova l’abilità ai fornelli di Roby Longa e la cortesia di Sara Bovo in sala.


SAPORI DEL NORD OVEST
GIORNO 1
Si inizia questo tour della Lombardia andando a trovare il mitico Venanzio Pedrinelli, oste storico con la famiglia di Induno Olona dal 1922. Il pranzo al Ristorante Olona da Venanzio con il suo stile garbatamente liberty vi farà tornare indietro nel tempo e chiudere gli occhi.
Da Induno ci si potrà muovere poi verso S. Vittore Olona dove Luigino Poli e lo Chef Vincenzo Marconi daranno sfoggio della loro grande professionalità al Ristorante La Fornace. Il pernottamento al Poli Hotel permetterà di non doversi mettere in viaggio nel dopo cena.

GIORNO 2
Il secondo giorno vedrà la pausa pranzo a casa di Antonio e Caterina Pagani al Ristorante I 5 Campanili di Busto Arsizio. In un ambiente “affrescato” dai piatti del Buon Ricordo la cucina creativa e curiosa di Antonio saprà sorprendervi.
Alla sera consigliata è la Cena dall’istrionico Paolo Talarico detto Paolino dell’omonima Trattoria Paolino. La sua Panissa alla Vercellese vale il viaggio e rimarrà nelle menti a lungo.
Dal centro di Vercelli ci si sposta dopo cena per pernottare presso l’Hotel Milano sul Lago Maggiore.

GIORNO 3
Al risveglio una bella colazione sulla terrazza affacciata sul lago può dare il la ad una bellissima escursione sulle acque del lago Maggiore per poi tornare a pranzo da Ovidio Mugnai per gustare, tra le altre specialità, i famosi ravioli alla trota salmonata.


LOMBARDIA DA GUSTARE PACCHETTO 1
GIORNO 1
La Lombardia riserva mille sorprese gastronomiche. Ecco allora che vale la pena di dare il là ad un altro Tour verso le province più lontane iniziando da Montù Beccaria, dove Luisa e Franco vi accoglieranno presso la loro Locanda dei Beccaria. Il loro amore per la cucina e il vino lascerà il segno.
Dal pavese ci si muove poi verso il basso Lodigiano per arrivare allo storico Albergo Ristorante Del Sole della famiglia Colombani. La centenaria esperienza ora nelle mani di Francesca e Mario è una garanzia di grande accoglienza. Cena e pernottamento in un ambiente rustico ma elegante.

GIORNO 2
La due giorni si conclude a pranzo ad Abbadia Cerreto da Stefano Scolari. La sua Lombata di Coniglio con pancetta, olive e balseto laudense non si può perdere. L’Antica osteria del Cerreto si presenta come una nuova entusiasta new entry nel Buon Ricordo.


LOMBARDIA DA GUSTARE PACCHETTO 2
GIORNO 1
La ricca Brianza fa da apripista ad un nuovo itinerario. Gilberto Farina dall’alto della sua professionalità ed esperienza è il delizioso padrone di casa del Ristorante La Piana di Carate Brianza. Un assaggio della selezione dei suoi rinomati formaggi non può mancare.
Per la serata non può mancare una “Vasca” a Milano. Max Masuelli nella sua Trattoria Masuelli S. Marco vi potrà stupire con le sue milanesine con risotto allo zafferano.
Dopo cena ci si può muovere verso Rivanazzano Terme per pernottare all’Albergo Ristorante Selvatico oppure pernottare direttamente in città.

GIORNO 2
Il pranzo del secondo giorno non può non svolgersi presso il Ristorante Selvatico di Rivanazzano Terme, accolti da mamma Piera e dalle figlie Michela e Francesca. Toccherà a Sergio, marito di Francesca, proporre i giusti abbinamenti enologici.



DAL LAGO ALLA CAMPAGNA
GIORNO 1
Si inizia dall’alto Garda e precisamente da Torri del Benaco, sulla sponda veronese del Lago di Garda, dove la Famiglia Lorenzini gestisce da decenni il Ristorante Gardesana. Pranzo in terrazza vista lago ascoltando i consigli di Mirko Lorenzini e del suo staff. Le girelle di persico al burro e timo saranno un Buon Ricordo.
Dopo pranzo e dopo una bella passeggiata lungo lago ci si dirige verso S. Felice del Benaco dove la famiglia Bertoli vi accoglierà per una bella cena di qualità e un tranquillo pernottamento presso l’Hotel Villa Luisa Resort e Spa. Prima di cena qualche ora di relax presso la bellissima Spa può risultare davvero salutare.

GIORNO 2
Il secondo giorno si abbandona il lago e ci si dirige verso la bassa pianura, lombarda per arrivare alla storica Locanda degli Artisti dove Michele in sala e papà Sergio in cucina sono i veri cultori della cucina cremonese di qualità.
Passato il ponte sul fiume Po ci si dirige verso la bassa parmense, in Emilia Romagna stavolta. La famiglia Spigaroli potrà proporvi il proprio menu del Buon Ricordo presso il Ristorante Al Cavallino Bianco accogliervi per il pernotto nel trecentesco castello divenuto il Relais Antica Corte Pallavicina. Una visita alle cantine che custodiscono seimila culatelli sarà un’esperienza unica.