Colli Euganei, natura, storia, cibi

La gastronomia

Pasta e fasoi (pasta e fagioli), risi e bisi (riso con i piselli), zuppa di verze padovane, bollito e  coniglio alla padovana, sfilacci  di cavallo (conditi con pepe macinato e limone) e poi una serie di prodotti tipici, come l’eccellente prosciutto crudo Berico Euganeo prodotto a Montagnana, la gallina padovana, che viene preparata in molti modi e le cui frattaglie sono alla base di un saporito ragù con cui si condiscono le  tagliatelle con rovinassi: nella cucina padovana -semplice, gustosa, genuina- convergono ricette, prodotti, sapori  della campagna che fanno da corona al capoluogo. Ad accompagnare i piatti è spesso la polenta, che ben si sposa ad arrosti, carni stufate o con i funghi.
L’autunno e la primavera sono le due stagioni per eccellenza dei Colli Euganei: questi i periodi migliori per sedersi a tavola e gustare piatti a base di funghi (autunno) ed erbette spontanee (primavera). Genuina e autentica, la gastronomia dei Colli Euganei trae la sua forza dai prodotti semplici dell’orto e della vigna, che la fertilità di queste terre offre gustosi e abbondanti, e da un’antica e radicata cultura contadina che dona prodotti del cortile, insaccati di pregio, mieli.
Fra i piatti tipici, che si affiancano a quelli sopra citati, troviamo una grandissima varietà di risotti, tra cui quello alle rane, ai bruscando (i germogli del luppolo) o alle erbette selvatiche di campo (erbette spontanee), con le frattaglie di pollo o con le quaglie, o infine il risotto con le ciche o i fegatelli. A questi si aggiunge la deliziosa pasta fatta in casa, dai bigoi in salsa alle tagliatelle con l’oca o con l’anatra, gli sfornati e gli gnocchi di patate. I secondi piatti sono principalmente le carni da corte (l’anatra ripiena, il papero alla frutta, la gallina padovana, il coniglio, gli spiedi di torresani e di faraone, il pollo fritto), le carni in umido e le saporite grigliate accompagnate dalle verdure di stagione. Per finire, le torte e le crostate euganee con la frutta in composta o fresca, i dolcetti con lo zabaione al moscato e gli zaetti con farina di mais e uvetta.

I prodotti tipici
La vite e l’ulivo, in coltivazioni terrazzate, caratterizzano queste terre e da tempo immemore danno prodotti d’eccellenza come il vino e l’olio d’oliva. L’olivo ha un legame così stretto con il territorio euganeo, che sopravvivono da secoli quattro coltivazioni autoctone, Rasara, Marzemina, Rondella e Matosso, ognuna delle quali produce olive e oli di differenti qualità, che vengono trasformati secondo una tradizione antica.
Assolutamente tipici di queste terre sono le giuggiole, dal colore scarlatto e dal buon sapore dolce, simile a quello della mela. Sui Colli Euganei il giuggiolo è coltivato quasi in ogni giardino e il suo frutto è ormai una delle caratteristiche distintive più conosciute e rinomate di questo territorio. Un altro frutto coltivato in quasi tutto il territorio euganeo è la ciliegia, diventata ora uno dei prodotti più caratteristici del Parco. A queste tipicità si aggiungono i rinomati bisi, i piselli, che entrano ogni anno da protagonisti in ricette, concorsi enogastronomici e soprattutto nella tradizionale Festa dei Bisi, che si tiene annualmente a Baone. Prelibatezza e medicina, il miele dei Colli Euganei è inserito nell'elenco dei prodotti tradizionali ed è preparato dagli apicoltori dei Colli con le tecniche di un tempo.

I vini
I vini sono quelli Doc Colli Euganei (www.collieuganeidoc.com/vini), profumati e di carattere, fra cui eccelle il Fior d’Arancio DOCG, una vera e propria esplosione di essenze mediterranee. Prodotto dalle uve di una particolare varietà di Moscato giallo (per almeno il 95%), denominata appunto Fior d’Arancio proprio per i nettissimi sentori che rimandano al profumo della zagara, il bianco fiore degli agrumi. Ad esso si affiancano altri must, come gli uvaggi Colli Euganei Rosso e Colli Euganei Serprino (bianco) che rappresentano a pieno il territorio, e una decina di altri prelibati DOC.
Per andare alla loro scoperta, degustarli ed acquistarli in cantina, si può seguire la Strada del Vino Colli Euganei (www.stradadelvinocollieuganei.it‎).