È mancato Elodio De Nardi

Un pezzo importante di storia della ristorazione veneta che se ne va. E' mancato Elodio De Nardi, lo storico "oste" del ristorante Le Guaiane di Noventa di Piave, che da semplice osteria aveva fatto diventare locale rinomatissimo. Era stato, con la sua professionalità, umanità ed entusiasmo infinto per il suo lavoro, fra i pionieri del Buon Ricordo. Lo ricordiamo con affetto, stima e simpatia. Da tutti noi del Buon Ricordo le più sentite condoglianze alla moglie Clara e alla famiglia.

Elodio si è spento il 17 marzo nella notte, colpito da infarto. Aveva 80 anni. Fin da giovanissimo aveva lavorato nel locale dei genitori, una semplice ma molto frequentata osteria, nota soprattutto per le sue eccellenti grigliate di carni e polli. L’arte della cucina l’aveva imparata dalla madre Lena e l’aveva portata a traguardi rimarchevoli. Sempre con i genitori aveva quindi avviato quello che sarebbe diventato uno dei ristoranti portabandiera del Veneto, Le Guaiane appunto, apprezzato da italiani e stranieri per la sua cucina tradizionale, portata ai massimi livelli. Elodio era un protagonista non solo in cucina, ma anche in sala, che animava con serate tematiche e iniziative innovative per quei tempi, come la Cena delle tre Esse, dedicata a Sardine, Seppie e Sampagna. Nel 2000 si era ritirato dalla gestione del locale, lasciando il ristorante ad alcuni suoi storici collaboratori, fra cui Lucio Marangoni, che ne ha raccolto il testimone ed ancor oggi lo conduce con successo ed è attivissimo socio del Buon Ricordo.

Negli ultimi anni Elodio De Nardi si era dedicato ad una delle sue grandi passioni, lo Champagne ed era stato fra l’altro nominato Ambasciatore per l’Italia della Confrérie du Sabre d'Or, la Confraternita dei famosi sciabolatori di Champagne, carica che aveva ricoperto fino al 2019.