Hotel Milano

Ravioli alla trota salmonata

Una ricetta dai delicati toni pastello, sia per colore che per intensità, un po’ come il paesaggio del lago. Protagonista è la trota salmonata, che offre la sua polpa rosata sia per il ripieno dei ravioli, dove incontra l’aroma dell’erba cipollina, sia per il sugo, con scalogno, maggiorana e pomodoro.
In alternativa, un classico condimento da ravioli: burro fuso a color nocciola e salvia, con il tocco in più della maggiorana. Nel calice, un Erbaluce delle Colline Novaresi, parimenti raffinato.

Ingredienti per 6 persone

Per il ripieno:
2 filetti di trota salmonata
1 patata
1 tuorlo d’uovo
olio e burro
salvia
erba cipollina fresca
sale e pepe

Per il sugo:
1 filetto di trota salmonata
1 scalogno
3 pomodori maturi
vino bianco secco
maggiorana (possibilmente fresca)

Per la sfoglia:
2 uova
2 etti di farina 00

Preparazione

Per il ripieno:
lessare la patata con la buccia, pelarla e schiacciarla ancora calda. Cuocere i filetti di trota salmonata in burro, olio e salvia e salarli, una volta cotti toglierli dal condimento e sbriciolarli con la forchetta eliminando le eventuali spine. Unire la patata precedentemente schiacciata con il tuorlo d’uovo e poca erba cipollina tritata fresca. Mescolare bene fino ad ottenere un impasto morbido.
Per il sugo:
Tritare finemente lo scalogno e farlo appassire nell’olio, ridurre in dadolata i pomodori e unirli allo scalogno cuocendoli assieme per qualche minuto. Aggiungere poi il filetto di trota tagliato a cubetti, sfumando con il vino bianco. Aggiungere poi sale, pepe e maggiorana e finire la cottura.
Per la sfoglia:
Ritagliare di quadrotti di pasta mettendo il ripieno al centro, chiudere la pasta formando dei triangoli facendo attenzione che siano ben chiusi. Cuocerli in acqua abbondante salata, e condirli poi con il sugo preparato.

Ristorante

Hotel Milano
di Ovidio Mugnai

Hotel Milano
Se menzionate Belgirate agli habituée del lago Maggiore, coglierete un lampo d’emozione nei loro occhi: Stresa e le isole Borromee sono a portata di mano con tutto quello che ne deriva in bellezza e mondanità; ma c’è anche la montagna, da una parte il Mottarone, per una passeggiata, e dall’altra il Campo dei Fiori, a incorniciare il panorama. Seduti sulla splendida terrazza direttamente...

Vai al ristorante