Lokanda Devetak 1870

Gibanica e marmellata di uva fragola friuli venezia giulia Dolce Autunno

Ricetta del Ristorante

Lokanda Devetak 1870
Loc. San Michele del Carso - Savogna d’Isonzo (GO)
Via Brezici , 22
Tel. 0481.882488
info@devetak.com
www.devetak.com

Chef : Gabriella Devetak
 

Gibanica

Per la pasta:
• 500 g di farina bianca
• 100g di burro
• acqua tiepida
• sale q.b.
(oppure una pasta sfoglia al burro da 500 g)

Per il ripieno di mele:
• 10 mele gialle golden
• 200 g di zucchero
• Rum

Per il ripieno di ricotta:
• 500 g di ricotta fresca
• 50 g di semi di papavero
• 100 g di zucchero
• 4 uova intere
• 200 g di pinoli
• zucchero a velo per spolverare alla fine


Marmellata di uva fragola

• 1 kg di uva fragola
• 600 g di zucchero
 

Preparazione

Preparazione Gibanica
Preparare l’impasto e lasciarlo riposare. Frullare le mele spelate con lo zucchero ed il rum.
Mescolare la ricotta con i suoi ingredienti.
Dividere la pasta in tre parti e tirarla sottile da coprire lo stampo per 3 volte che si desidera usare per la cottura.
Imburrare lo stampo, disporre il primo foglio di pasta, metà dell’impasto di mele e sopra metà dell’impasto di ricotta e pinoli ( a strati) . Disporre un altro strato di pasta, mele e ricotta e pinoli.
Infornare per 50 ‘ a 175°.
Servire con la salsa di uva fragola e zucchero a velo.

Preparazione marmellata di uva fragola
Sgranocchiare l’uva e metterla a cuocere.
Passarla con il passaverdura per eliminare i semini.
Aggiungere lo zucchero e cuocere.
Avrà sempre una consistenza un po’ liquida. Se si vuole averla densa si deve aggiungere un addensante.

Presentazione in tavola
Tagliare a fette la Gibanica e servirle con a fianco qualche cucchiaio di marmellata.
 

Ristorante

Lokanda Devetak 1870
di Avguštin Devetak

Lokanda Devetak 1870
A San Michele del Carso, che fu teatro della Grande Guerra, vive la famiglia Devetak la cui inclinazione all'accoglienza è tramandata da 5 generazioni, fin dal 1870. Avguštin Devetak assieme alla moglie Gabriella e le figlie Sara, Tatjana, Tjaša e Mihaela gestiscono oggi il ristorante a menu stagionale e una cantina scavata nella pietra, contenente 12.000 bottiglie da tutto il mondo, nonché un'osteria...

Vai al ristorante