La Montanella

Prosciutto cotto nel vino Secondo di Carne 4 Stagioni Veneto

La specialità del Buon Ricordo rappresenta un prezioso e gustoso recupero della gastronomia padovana del ‘400; si tratta di un “Prosciutto cotto nel vino”, che dimostra come l’attuale ritorno frequente al maiale, adeguatamente cucinato, ha antiche e nobili origini e può offrire sapori di una delicatezza inaspettata.

Prosciutto cotto nel vino 002.jpg

Ingredienti per 4 persone

• g 800 di coscia di maiale per fare il prosciutto
• 2 cipolle
• 2 mele
• mazzetto di odori (rosmarino, timo, maggiorana, salvia)
• l 2 di Cabernet o di Raboso
• 6 chiodi di garofano
• 5 bacche di ginepro
• 1 bicchiere di olio extravergine d’oliva
• sale e pepe
• 1 grappolo d’uva

Preparazione

Mettere la coscia di maiale, precedentemente disossata, a marinare in una bacinella per una notte con il vino rosso e il mazzetto di odori, le bacche di ginepro e i chiodi di garofano.
In una pentola capiente soffriggere nell’olio la cipolla e la mela, adagiarvi la coscia di maiale e la marinata. Salare, pepare e cuocere per circa cinque ore a fuoco lento con la pentola coperta con il coperchio. Al termine della cottura togliere la carne e passare con il passaverdura il fondo di cottura.
Tagliare il prosciutto a fettine di circa 2 cm di spessore, disporle sul piatto caldo, bagnarle con il sugo di cottura, decorare con dei chicchi d’uva e servire.

Vini consigliati: Colli Euganei Cabernet DOC e Raboso del Veneto

Ristorante

La Montanella
di Giorgio Borin

La Montanella
Il ristorante della famiglia Borin da tre generazioni rende omaggio albergo di Arquà Petrarca con una cucina di classe che affonda le sue radici nei riti delle stagioni e nella qualità dei prodotti del territorio Il borgo del Poeta è lì sotto, appartato e stretto intorno al suo campanile. Lo si nota affacciandosi alla splendida terrazza naturale incorniciata dal verde delle piante. Il ristorante...

Vai al ristorante